AREA DIPENDENTI

Accedi all'area dedicata ai dipendenti, ed ai medici territoriali.

AREA RISERVATA

Accedi all'area riservata agli amministratori del portale.

RUBRICA

Consulta la rubrica dell'Azienda Sanitaria Provinciale di Crotone.

SERVIZIO ALPI

Gestione agende attività in libera professione

AREA FARMACIE

Accedi ai servizi di prenotazione e ticket per farmacie.

ASSISTENZA

Servizio di assistenza tramite ticket.

Grafica  Solo Testo  Alta Visibilit�  Preferiti  Stampa  RSS

Sicurezza del trapianto


Sicurezza del trapianto

La legge 1 aprile 1999, n.91 ha stabilito le disposizioni in materia di prelievi e trapianti di organi e tessuti, consentendo la regolamentazione della rete italiana dei trapianti a tutela dei donatori e dei riceventi. Il prelievo di organi e tessuti è consentito secondo quanto stabilito, appunto, dalla legge sopra citata, e in particolare “previo accertamento della morte ai sensi della legge 29 dicembre 1993, n.578, e del decreto del Ministro della sanità 22 agosto 1994, n. 582”. Questo significa che si procede a prelievo degli organi solo in seguito ad accertamento di morte, senza questo fondamentale presupposto non avviene alcun prelievo.

Un altro presupposto altrettanto importante è che si può procedere a prelievo degli organi solo nei casi in cui il defunto si è espresso in vita a favore della donazione tramite dichiarazione di volontà, oppure se ha informato anche solo verbalmente i familiari (coniuge non separato, convivente more uxorio, figli maggiorenni e genitori). Quindi se al contrario ha dichiarato, verbalmente o per iscritto, di non voler donare gli organi, non si può procedere al prelievo. Infine nel caso in cui non abbia espresso una preferenza a favore o contro la donazione si potrà procedere al prelievo solo se i familiari non si oppongono. L’opposizione al prelievo da parte dei familiari costituisce un diritto sancito per legge.

Quando viene individuato un donatore, di cui è stata accertata la morte, rimangono poche ore per trovare il ricevente compatibile ed effettuare il trapianto poiché l’organo, o gli organi, da trapiantare deperiscono molto rapidamente. La rete italiana dei trapianti è strutturata e regolamentata in modo tale da ottimizzare i tempi e garantire la necessaria trasparenza nell’individuazione del paziente in lista d’attesa più idoneo al trapianto secondo dei precisi criteri di allocazione (assegnazione dell’organo).

L’eventuale compatibilità tra donatore e ricevente viene valutata in seguito ad approfondite analisi di laboratorio dette di tipizzazione tissutale e cross-match, il che significa che vengono analizzate, in appositi laboratori specializzati, le caratteristiche biologiche del donatore e del ricevente al fine di ridurre al massimo il pericolo di rigetto. Questo vale per gli organi, il midollo osseo e le cornee, mentre per gli altri tessuti non si procede a test di compatibilità.

Ultimo aggiornamento: 19/01/2018 07:47:09


Logo attestante il superamento, ai sensi della Legge n. 4/2004, della verifica tecnica di accessibilit�.

xHTML Validato
CSS Validato
Esprimi un Giudizio