AREA DIPENDENTI

Accedi all'area dedicata ai dipendenti, ed ai medici territoriali.

AREA RISERVATA

Accedi all'area riservata agli amministratori del portale.

RUBRICA

Consulta la rubrica dell'Azienda Sanitaria Provinciale di Crotone.

SERVIZIO ALPI

Gestione agende attività in libera professione

AREA FARMACIE

Accedi ai servizi di prenotazione e ticket per farmacie.

ASSISTENZA

Servizio di assistenza tramite ticket.

Grafica  Solo Testo  Alta Visibilit�  Preferiti  Stampa  RSS

Prima e dopo il trapianto


Prima e dopo il trapianto

Che tipo di vita conducono i trapiantati?
I pazienti trapiantati riprendono, in seguito all’intervento, a lavorare, viaggiare, fare sport. I soggetti in età fertile possono avere figli e le giovani donne trapiantate possono portare a termine una gravidanza. Ormai i casi di rigetto sono sempre più rari e controllabili con la
terapia farmacologia.

Che tipo di esami mi verranno fatti prima del trapianto?
Comuni a tutti sono i prelievi ematici per la valutazione immunologia e lo screening di base, un Elettrocardiogramma, una radiografia del torace, a cui si aggiungono valutazioni specifiche che dipendono dal tipo di trapianto che si dovrà effettuare e dalle condizioni del ricevente.

Per quanto tempo rimarrò in ospedale?
Dipende dal decorso clinico e dal tipo di trapianto. Mediamente la degenza in ospedale non è inferiore ad una settimana.

Quanto durerà l’operazione?
Si differenzia da organo ad organo. Per il rene circa due ore, per gli altri trapianti dalle quattro alle otto ore.

Quanto tempo ci vuole per rimettersi in forma dopo un trapianto?
Se il decorso è regolare generalmente in poche settimane si riacquista una completa riabilitazione funzionale e fisica.

Cosa succede se il mio corpo rigetta l’organo trapiantato?
Il rigetto dell’organo è un evento possibile e quando si verifica richiede un adeguato e specifico trattamento farmacologico. Generalmente il rigetto si riesce a fronteggiare ma quando ciò non è possibile è necessario un secondo trapianto.

Quando tornerò al lavoro?
E’ un aspetto estremamente soggettivo che dipende dal tipo di trapianto eseguito ma anche dalla capacità di recupero di ognuno di noi. Se non ci sono complicanze, generalmente entro un paio di mesi si è nelle condizioni fisiche per un completo reinserimento sociale.

Dovrò cambiare le mie abitudini alimentari in seguito al trapianto?
No, generalmente non è assolutamente necessario, bisogna solo seguire gli eventuali consigli dei medici curanti.

Potrò svolgere attività fisica dopo il trapianto?
Assolutamente si, il trapianto restituisce ad una vita completamente normale. Ci sono trapiantati che praticano sport anche a livello agonistico. Visita la sezione dedicata a Trapianti e Sportper conoscere tutte le iniziative del progetto, gli eventi in programma e avere maggiori informazioni sui benefici dell’attività fisica per chi ha ricevuto un trapianto.

Potrò riprendere una normale attività sessuale in seguito al trapianto?
Dopo il trapianto è possibile avere una regolare attività sessuale.

Quanto spesso dovrò tornare in ospedale?
I controlli dipendono dal decorso clinico. Sono generalmente più frequenti nelle prime settimane per poi arrivare a dei controlli meno frequenti man mano che passa il tempo.
Generalmente non è necessario tornare sempre nell’ospedale dove è stato eseguito il trapianto se non periodicamente e secondo le indicazioni dei medici curanti.

Quali farmaci dovrò assumere dopo il trapianto? E quali sono gli effetti collaterali?
Oggi si hanno a disposizione numerosi farmaci immunosoppressori ognuno dei quali ha una sua specificità e, a prescindere dai tipi di farmaci che le verranno prescritti, dovrà assumerli con regolarità al fine di scongiurare il rigetto. Tutti i farmaci presentano degli effetti collaterali che sono tuttavia sempre meno e meglio tollerati.

 

 

 

 

 

 

Ultimo aggiornamento: 19/01/2018 07:44:32


Logo attestante il superamento, ai sensi della Legge n. 4/2004, della verifica tecnica di accessibilit�.

xHTML Validato
CSS Validato
Esprimi un Giudizio