AREA DIPENDENTI

Accedi all'area dedicata ai dipendenti, ed ai medici territoriali.

AREA RISERVATA

Accedi all'area riservata agli amministratori del portale.

RUBRICA

Consulta la rubrica dell'Azienda Sanitaria Provinciale di Crotone.

SERVIZIO ALPI

Gestione agende attività in libera professione

AREA FARMACIE

Accedi ai servizi di prenotazione e ticket per farmacie.

ASSISTENZA

Servizio di assistenza tramite ticket.

Grafica  Solo Testo  Alta Visibilit�  Preferiti  Stampa  RSS

DISTRETTI SANITARI

SPORTELLO DEMOCEDE

CAMPAGNE DI PREVENZIONE

Campagna di Vaccinazione


 

 

 

 

 

 



 

 

Sedi Vaccinali
Report Vaccinazioni
Prevenzione Influenza 2011 Scarica Brochure

 


Che cosa è l’influenza?
E’ una infezione virale acuta dell’apparato respiratorio.  Il più delle volte è caratterizzata da manifestazioni cliniche lievi. Talvolta può causare complicazioni ed un peggioramento di patologie
croniche preesistenti.


Come si trasmette?
La trasmissione da persona a persona si può verificare:

  •  per via aerea attraverso le gocce di saliva provocate da starnuti o colpi di    tosse di persone infette;
  •  per mezzo del contatto con materiale infetto (ad esempio fazzolettini usati);
  •  toccando con le mani superfici contaminate dalle secrezioni respiratorie;
  • attraverso contatti stretti con persone malate.


Cosa fare per proteggere se stessi e gli altri?
E’ possibile diminuire il rischio di infezione adottando una serie di semplici comportamenti:

LAVARE LE MANI
Lavarsi accuratamente e più volte al giorno, in particolare, dopo aver tossito, starnutito, essersi soffiati il naso.
Lavarsi sempre con acqua calda e sapone ed asciugarsi con salviettine monouso o asciugamano personale.
   
TOSSIRE O STARNUTIRE IN UN FAZZOLETTO DI CARTA
Quando si tossisce o starnutisce, tenere un fazzoletto di carta
davanti a naso e bocca.
   
GETTARE IL FAZZOLETTO DI CARTA
Dopo l’uso gettare sempre il fazzoletto di carta nel cestino dei rifiuti e lavarsi le mani accuratamente con acqua calda e sapone.
   
MANTENERE PULITE LE SUPERFICI
Pulire e disinfettare regolarmente maniglie, interruttori, telefoni, tastiere, tavoli e altre superfici comuni che possono venire
contaminati dai virus.
   

 

Quali sono i sintomi?
I sintomi dell’influenza sono febbre improvvisa, di norma superiore a 38 gradi, e manifestazioni respiratorie (tosse, mal di gola, raffreddore) associati ad almeno uno dei seguenti sintomi: brividi, dolori muscolari, dolori articolari e,
in particolare nei bambini, mal di pancia, diarrea e/o vomito.
 

Chi deve effettuare la vaccinazione?
Il Ministero della Salute raccomanda la vaccinazione alle seguenti categorie:

  •  persone di età pari o superiore a 65 anni
  •  bambini di età superiore ai 6 mesi e adulti affetti da patologie croniche
  •  bambini e adoloscenti in trattamento a lungo termine con acido acetilsalicilico e a rischio di Sindrome di Reye
  •  donne che all’inizio della stagione epidemica si trovano nel secondo o nel terzo trimestre di gravidanza
  •  persone di qualunque età ricoverate presso strutture per lungodegenti
  •  medici e personale sanitario di assistenza
  •  familiari di persone ad alto rischio
  •  addetti a servizi pubblici di primario interesse collettivo
  •  allevatori, addetti all’attività di allevamento, addetti al trasporto di animali vivi, macellatori e vaccinatori, veterinari pubblici e libero-professionisti.

Per tutte queste categorie la vaccinazione è gratuita.
Le persone che non rientrano nelle categorie a rischio e che decidono di vaccinarsi, consultato il proprio medico sull’opportunità della vaccinazione, possono acquistare il vaccino in farmacia.


Quando conviene vaccinarsi?
Si consiglia di praticare la vaccinazione entro la fine di dicembre.
La vaccinazione rappresenta un’efficace protezione anche se viene effettuata in periodi successivi.


Per chi è sconsigliata la vaccinazione?
Il vaccino antinfluenzale NON DEVE ESSERE SOMMINISTRATO a:

  •  lattanti al di sotto dei 6 mesi
  •  soggetti che abbiano manifestato una reazione allergica grave (anafilassi)

dopo la somministrazione di una precedente dose ad un componente del vaccino.
La somministrazione del vaccino deve essere rinviata in caso di manifestazioni febbrili in atto.
Nelle persone con malattie autoimmuni va somministrato solo dopo attenta valutazione del rapporto rischio-beneficio; tali situazioni verranno
di volta in volta valutate dal medico curante e da quello della sede vaccinale.

Logo attestante il superamento, ai sensi della Legge n. 4/2004, della verifica tecnica di accessibilit�.

xHTML Validato
CSS Validato
Esprimi un Giudizio