AREA DIPENDENTI

Accedi all'area dedicata ai dipendenti, ed ai medici territoriali.

AREA RISERVATA

Accedi all'area riservata agli amministratori del portale.

RUBRICA

Consulta la rubrica dell'Azienda Sanitaria Provinciale di Crotone.

SERVIZIO ALPI

Gestione agende attività in libera professione

AREA FARMACIE

Accedi ai servizi di prenotazione e ticket per farmacie.

ASSISTENZA

Servizio di assistenza tramite ticket.

Grafica  Solo Testo  Alta Visibilit�  Preferiti  Stampa  RSS

Esofagogastroduedenoscopia (EGDS) operativa


Cos’è l’esofagogastroduodenoscopia (EGDS)?

È l’esame diagnostico che consente al medico endoscopista di  esaminare direttamente l’interno dell’esofago, dell

o stomaco e del duodeno, mettendo in evidenza eventuali malattie  organiche.

Come si svolge?

prima  di iniziare l’esame il paziente avrà un breve colloquio con l’infermiere, che darà alcune indicazioni. Verrà poi fatto accomodare nell’ambulatorio dove il Medico farà delle domande per conoscere meglio la situazione clinica, le indicazioni all’esame, le eventuali terapie (utile portare l’elenco dei farmaci che vengono assunti quotidianamente ed eventuale documentazione clinica

), l’eventuale presenza di malattie di rilievo e valuterà il grado di informazione all’esame, facendo firmare il consenso informato.

Il paziente deve riferire eventuali allergie o intolleranze a farmaci o se presenta malattie che predispongono al sanguinamento o se sta assumendo una terapia con farmaci anticoagulanti, o se è portatore di pace-maker o di protesi valvolari cardiache.

 

L’utente, che deve essere a digiuno, viene disteso sul fianco sinistro in posizione confortevole; gli viene posto tra i denti un boccaglio (in caso di protesi dentaria, questa deve essere rimossa) e quindi viene introdotta dalla bocca una sonda flessibile (l’endoscopio) che viene guidata fino al duodeno. Quando tutti gli organi sopradetti sono stati esaminati lo strumento viene tolto e l’esame è terminato. Nel corso dell’EGDS possono essere effettuate delle biopsie, che sono dei prelievi di mucosa destinati ad essere esaminati al microscopio per ottenere la diagnosi istologica di eventuali lesioni e/o la ricerca dell’Helicobacter  Pylori. L’esame dura in media pochi minuti. L’EGDS,

comunque non è  dolorosa e non interferirà con la vostra normale respirazione. Sarà utile mantenere, per quanto è possibile, un

comportamento rilassato e collaborativo evitando atteggiamenti reattivi e cercando di controllare eventuali conati di vomito con profonde inspirazioni.

 

Perché viene fatta?

Sintomi come dolore, nausea, vomito o difficoltà di digestione non sono sempre tipici di una determinata patologia e pertanto l’EGDS è indispensabile per identificare con precisione la causa del disturbo, permette di fare diagnosi (infiammazione, ulcere, sanguinamenti, polipi o tumori) e di impostare un’adeguata terapia.

 

Quali sono le complicanze? *

Anni di esperienza dimostrano che l’EGDS è un esame sicuro, pur tuttavia può essere gravato, come qualsiasi atto medico, da rare complicanze (0,009%), quali la perforazione (0,0009%);l’emorragia (0,002%);problemi cardiorespiratori (0,005%), che in alcune ancor più rare circostanze (0,0009%) potrebbero risultare pericolose per la vita.

 

POLIPECTOMIA E MUCOSECTOMIA ENDOSCOPICA

Durante l’esame è possibile incontrare polipi. Si tratta di protuberanze rivolte verso l’interno dell’ intestino che hanno

la tendenza ad aumentare di volume con il passare del tempo. Essi possono dare origine ad alcune complicanze quale

sanguinamento, ostruzione intestinale ma, soprattutto, in alcuni casi possono trasformarsi in tumore maligno.

È per questo che i polipi vengono asportati e ciò può essere fatto attraverso la colonscopia, a condizione che la coagulazione del sangue sia normale.

La polipectomia non è una procedura pericolosa, tuttavia, occorre considerare che si tratta di un vero e proprio intervento chirurgico e  come tale comporta dei rischi. Infatti sono possibili delle complicanze in circa l’1% dei casi.

Tali complicanze sono:

 

·          Emorragia (in genere si arresta spontaneamente o dopo opportune manovre endoscopiche, ma necessita

comunque di un breve ricovero ospedaliero per osservazione)

 

·          Perforazione (è la complicanza più grave ed è necessario ricorrere generalmente ad un intervento chirurgico).

 

 

INTERVENTI CHE SI POSSONO ESEGUIRE MEDIANTE EGDS:

 

·          LEGATURA VARICI

 

·          SCLEROSI VARICI

 

·          EMOSTASI IN GENERE

 

·          DILATAZIONE MECCANICA E PNEUMATICA

 

·          POSIZIONAMENTO PEG

 

·          POSIZIONAMENTO STENT PER STENOSI BENIGNE E MALIGNE

 

·          RIMOZIONE CORPO ESTRANEO

 

·          POSIZIONAMENTO E RIMOZIONE BIB ( PALLONCINO INTRAGA

STRICO) PER IL TRATTAMENTO

DELL’OBESITA

 

Ultimo aggiornamento: 29/01/2016 10:10:39


Logo attestante il superamento, ai sensi della Legge n. 4/2004, della verifica tecnica di accessibilit�.

xHTML Validato
CSS Validato
Esprimi un Giudizio