AREA DIPENDENTI

Accedi all'area dedicata ai dipendenti, ed ai medici territoriali.

AREA RISERVATA

Accedi all'area riservata agli amministratori del portale.

RUBRICA

Consulta la rubrica dell'Azienda Sanitaria Provinciale di Crotone.

SERVIZIO ALPI

Gestione agende attività in libera professione

AREA FARMACIE

Accedi ai servizi di prenotazione e ticket per farmacie.

ASSISTENZA

Servizio di assistenza tramite ticket.

Grafica  Solo Testo  Alta Visibilit�  Preferiti  Stampa  RSS

Enteroscopia


L'enteroscopia è una procedura che permette di esaminare endoscopicamente il piccolo intestino, cioè quella parte del tratto digerente che va dall'angolo di Treitz fino alla valvola ileo-cecale; quindi consente ’esplorazione del piccolo intestino (la cui lunghezza in media è di 6-8 metri) mediante una sonda endoscopica (enteroscopio) più lunga del normale gastroscopio/colonscopio.
Digiuno, tenue e ileo sono strutture di difficile indagine per due motivi fondamentali: il primo consiste nelle loro notevoli mobilità e capacità di elongazione che rendono tecnicamente complessa la progressione dell'endoscopio; il secondo è rappresentato dalla distanza di queste strutture dalle due vie d'accesso dell'indagine endoscopica, ovvero la bocca e l'ano.

L'uso delle fibre ottiche in endoscopia ha permesso la costruzione di strumenti di minor calibro e maggiore maneggevolezza, grazie ai quali oggi è possibile ovviare ai suddetti inconvenienti ed esplorare tratti di intestino fino a qualche tempo fa irraggiungibili. L'esame è indicato in caso di emorragie digestive di origine oscura, diarrea e malassorbimento inspiegabili, tumori del piccolo intestino, sorveglianza di malattie precancerose, approfondimento diagnostico in presenza di un sospetto radiologico di malattia intestinale o quando sia necessario eseguire manovre terapeutiche, come il posizionamento di digiunostomia percutanea. La procedura viene, inoltre, utilizzata per eseguire particolari indagini radiologiche che richiedano l'iniezione del mezzo di contrasto direttamente nella parte prossimale del piccolo intestino (clisma del tenue). Da ricordare l'occasionale utilizzo dell'indagine enteroscopica in fase intraopertoria: in questo caso lo strumento può essere introdotto sia dalla bocca che attraverso un'enterotomia.

L'enteroscopia può essere effettuata mediante varie tecniche:

PUSH ENTEROSCOPY
Questa metodica, consiste nell'introduzione dell'endoscopio attraverso la bocca come in una EGDS: per evitare la formazione di anse o volvoli al passaggio dello strumento, viene montata su di esso una guida che lo rende più rigido e ne facilita la progressione; entrambi i tubi vengono abbondantemente lubrificati per ridurre al minimo l'attrito sulle pareti intestinali. Durante l'esame è possibile eseguire prelievi bioptici.

DOUBLE BALLOON ENTEROSCOPY
L’ enteroscopio a doppio pallone è stato ideato per evitare lo stiramento e le volute delle anse e consentire l’esplorazione completa del piccolo intestino. Il sistema è costituito da un endoscopio flessibile di circa 9 mm di diametro che scivola all’interno di un tubo di plastica morbida di calibro leggermente più grande, chiamato overtube. Sulla punta sia dell’endoscopio che dell’overtube si trova un palloncino che viene gonfiato con aria (da qui il nome di enteroscopia a doppio pallone). Un dispositivo elettronico, comandato attraverso apposito telecomando, consente di gonfiare/sgonfiare con aria entrambi i palloncini. Facendo avanzare alternativamente l’endoscopio e l’overtube e gonfiando e sgonfiando i due palloncini sarà possibile far procedere l’endoscopio lungo tutto l’intestino.L’esame viene da noi eseguito in sedazione profonda con assistenza anestesiologica. In tale modo la procedura risulta completamente indolore.
 

 

 

 

 

Ultimo aggiornamento: 16/12/2015 12:10:20


Logo attestante il superamento, ai sensi della Legge n. 4/2004, della verifica tecnica di accessibilit�.

xHTML Validato
CSS Validato
Esprimi un Giudizio