AREA DIPENDENTI

Accedi all'area dedicata ai dipendenti, ed ai medici territoriali.

AREA RISERVATA

Accedi all'area riservata agli amministratori del portale.

RUBRICA

Consulta la rubrica dell'Azienda Sanitaria Provinciale di Crotone.

SERVIZIO ALPI

Gestione agende attività in libera professione

AREA FARMACIE

Accedi ai servizi di prenotazione e ticket per farmacie.

ASSISTENZA

Servizio di assistenza tramite ticket.

Grafica  Solo Testo  Alta Visibilità  Preferiti  Stampa  RSS

SIMI (Sistema Informativo delle Malattie Infettive)

Il SIMI (Sistema Informativo delle Malattie Infettive)

Le conoscenze epidemiologiche costituiscono l’elemento centrale di ogni programma di controllo delle malattie infettive permettendo di orientare efficacemente le scelte di intervento e le misure di profilassi da adottare per impedire la loro diffusione tra la popolazione suscettibile.

La segnalazione è lo strumento indispensabile per realizzare un efficiente sistema di sorveglianza che, a partire appunto dalla raccolta sistematica delle informazioni sulla distribuzione nel tempo sul territorio e tra la popolazione dei casi di malattia insorgenti sul territorio, consente di:

  • studiare l’incidenza della malattia verificandone i trends temporali e spaziali;
  • procedere nell’analisi dei singoli casi di malattia, secondo parametri quali l’età, la sussistenza di fattori favorenti la diffusione, l’andamento clinico, i microrganismi responsabili e la loro farmacoresistenza;
  • individuare i contatti, gli eventuali casi secondari e riconoscere precocemente i focolai epidemici;
  • valutare la circolazione dell’agente patogeno nella popolazione generale come nei gruppi a maggior rischio.

Il sistema informativo delle malattie infettive oggi attivo in Italia, trova origine nel D.M. Sanità del 15 dicembre 1990. L’articolo 1 del decreto, infatti, ai sensi del Testo Unico delle leggi sanitarie (R.D. 27 luglio 1934, n. 1265) prevede per tutti i Medici l’obbligo di segnalare all’Autorità sanitaria competente per territorio qualunque caso di malattia infettiva e diffusiva, reale o sospetta, di cui sia venuto a conoscenza nell’esercizio professionale.

Le stesse disposizioni normative regolamentano specifici flussi informativi che costituiscono debito informativo concorrente delle Aziende Sanitarie nei confronti della Regione, di questa verso il Ministero della Salute che, a sua volta, è in continua relazione con l’Autorità sanitaria centrale europea e con quelle dei singoli Stati membri.

A partire dal 2012 nella Regione Calabria la notifica dei casi di malattia infettiva agli organi competenti (Regione, Ministero della Salute/ISS) avviene mediante l’inserimento delle informazioni raccolte attraverso le schede di notifica sulla piattaforma web che il Nuovo Sistema Informativo Sanitario dedica alla sorveglianza delle malattie infettive (NSIS, Sistema PREMAL).

La rilevazione è affidata ad una scheda di notifica unica regionale.

Per disporre di una banca dati confrontabile a livello internazionale questo nuovo sistema di notifica segue i principi di validazione riportati nelle decisioni della Commissione europea in materia di dichiarazione delle malattie trasmissibili alla rete di sorveglianza comunitaria istituita ai sensi della decisione n. 2119/98/CE del Parlamento europeo e del Consiglio. Nei documenti, per tutte le malattie soggette a sorveglianza, sono definiti i criteri - clinici, di laboratorio, epidemiologici - che consentono di definire un caso possibile, probabile, confermato (il documento è consultabile nella sezione Normativa).

La tempistica rispetto alla quale devono essere informate le Autorità sanitarie competenti, risponde alla rilevanza epidemiologica e alle differenziati esigenze di profilassi di ciascuna malattia.


I Sistemi di Sorveglianza Speciale

Il Sistema Generale di Notifica Obbligatoria si è arricchito nel tempo di ulteriori Sistemi di Sorveglianza Speciali dedicati a specifiche malattie infettive. Questi soddisfano la necessità di avere disponibili ulteriori informazioni per le diverse necessità di sanità pubblica.

Sempre per tale motivo accanto ai sistemi dedicati esclusivamente alle malattie trasmissibili, sono inoltre attivi, altri sistemi informativi che raccolgono ulteriori informazioni sugli isolamenti batteriologici o virali effettuati dai laboratori, sugli accessi ai servizi di Pronto Soccorso per malattia o sindromi infettive. 

 

Dipartimento di Prevenzione - Via Saffo 88900 Crotone

mail: segreteria.prevenzione@asp.crotone.it
Tel. e Fax  0962  92 46 25

U.O. di Medicina Preventiva
Dott.  Giuseppe Monti
mail:  vaccinazione.kr@asp.crotone.it
Tel e Fax  0962  92 46 69

inoltre,
Referente aziendale per l'NSIS - Premal

Dott. Alessandro Bisbano, U.O. di Epidemiologia
mail:  epidemiologia@asp.crotone.it

Tel e Fax  0962  92 44 82

 

Ultimo aggiornamento: 08/07/2015 11:36:43

Logo attestante il superamento, ai sensi della Legge n. 4/2004, della verifica tecnica di accessibilità.

xHTML Validato
CSS Validato
Esprimi un Giudizio